Quale costo ha un impianto dentale | Studio Dentistico Lorello

Quale costo ha un impianto dentale

Quanto costa un impianto dentale e cosa incide sul totale?

Quale è il costo di un impianto dentale? E’ una delle domande più frequenti a cui un dentista si trova a rispondere. Gli impianti dentali hanno un costo che, oltre al materiale usato nell’implantologia dentale, prevede altre varie voci, alcune non subito chiare ai pazienti. Vediamo insieme la guida alle voci di costo di un impianto dentale a cura del dentista Lorello dello Studio Dentistico Lorello di Padova, che risponderà alla domanda “quanto costa l’implantologia dentale?”.

 

Immagine di perni impianto dentale su un quadro

L’implantologia dentale è la disciplina odontoiatrica che si occupa della riabilitazione di elementi dentali mancanti o gravemente compromessi, che vengono ripristinati o sostituiti grazie a impianti dentali. Agli occhi dei pazienti è spesso vista come terapia eccessivamente costosa e non si può negare che sia una terapia dentale che abbia dei costi, ma vediamo insieme quali sono quelli più visibili e quelli più nascosti.

Costo dell'impianto dentale: i materiali

Nonostante il proliferare di offerte low cost e la concorrenza dei dentisti di Paesi esteri, come la Croazia, bisogna ricordare che per avere un lavoro di qualità, con materiali eccellenti e di prima scelta (ricordiamoci che devono convivere con la nostra bocca e il nostro corpo per lungo tempo) è impossibile scendere sotto una cifra minima, a meno di rinunciare a qualità dei materiali e sicurezza delle operazioni.

Spesso nel nostro studio dentistico di Padova, ci troviamo con dispiacere a dover vedere la frustrazione dei pazienti che ci chiedono: “ma dottore come il costo di un impianto dentale è 3/4 volte superiore al costo della materia prima (gli impianti dentali)?”, il nocciolo della questione, ovvero da cosa è dettato il costo globale di un impianto dentale è proprio derivato dalla parte che non si considera in prima battuta, c'è molto altro oltre ai materiali e anche in questo caso ci sono standard di qualità minima che hanno un costo nel totale di un impianto dentale.

Perni in titanio per impianto dentale

Le voci di costo oltre ai materiali su un impianto dentale

Ma allora cosa c’è sotto quel “semplice impianto”, di quali parti si compone il costo di un impianto dentale oltre ai materiali? Innanzitutto dalla responsabilità che si prende il dentista nel fare una operazione chirurgica nella bocca dei pazienti, infatti per operare in sicurezza un odontoiatra serio affronta una formazione e un aggiornamento continuo sulle nuove tecniche e gli strumenti e tutto questo ha un costo generale sull’attività.

Inoltre prima di arrivare all’operazione per l’installazione di un impianto dentale nella bocca di un paziente, un dentista scrupoloso verifica che tutte le componenti coinvolte siano pronte a ricevere il trattamento, garantendo la tenuta dell’impianto dentale e la sicurezza, oltre alla soddisfazione del paziente. Nello specifico prima di impiantare nel vostro corpo, nelle vostre ossa, un dispositivo medicale, quale un impianto dentale, va verificata la salute di osso, gengive e bocca in modo che la vite in titanio che viene impiantata non venga rigettata, non causi infezioni e soprattutto sia rispettosa e su misura del sistema di masticazione in cui va ad inserirsi, ovvero fra gli altri denti nella bocca del paziente.

Tutta questa attività di preparazione, incide sull’operazione di inserimento di un impianto dentale, che in sé è breve, infatti al momento dell’atto chirurgico, è un intervento forse tra i più rapidi in ambito odontoiatrico. La sua velocità però non è casuale: tutti i casi vanno pianificati e studiati a tavolino prima del giorno dell’operazione: ci vuole un’analisi clinica dei tessuti molli del cavo orale, un’analisi radiografica dei tessuti duri ed infine un’analisi dei corretti rapporti tra l’impianto ed il dente che l’impianto dovrà supportare. Oltre quindi alla responsabilità chirurgica, il dentista si assume anche una responsabilità nella valutazione clinica del paziente per poterlo operare.

Le voci nascoste sul costo degli impianti dentali

Un altro fattore di cui tenere conto all’interno del costo di un impianto dentale sono i costi di gestione: la chirurgia implantare viene eseguita in una sala operatoria, il cui allestimento rappresenta un importante costo fisso per lo studio dentistico; a ció vanno sommati anche i costi di gestione del personale (che durante l’operazione è impegnato nei confronti del paziente) ed i costi fissi dell’intero studio dentistico. Infatti, quando il paziente si sottopone alla chirurgia, beneficia dei servizi dell’intera struttura, non solo del dentista.

Dente e impianto dentale

Se il preventivo è completo include tutte le voci di spesa

Non dimentichiamoci poi che il preventivo totale che fornisce un dentista riporterà esclusivamente la voce “riabilitazione elemento dentale”, non diverse voci come: affitto sala operatoria, anestesia, sterilizzazione ferri chirurgici,… . Il servizio che uno studio dentistico offre è proprio una riabilitazione, non una vite in titanio (venduta dal rappresentante) o una capsula (fabbricata dal tecnico) sopra la vite in titanio. Inoltre un dentista serio include nel preventivo tutte le voci di costo che vi abbiamo elencato, senza creare sorprese successive ai pazienti parcellizzando il costo totale della terapia.

Infine, va ricordato che compreso nel costo dell’impianto vanno annoverate tutte le visite di controllo a cui il paziente dovrà sottoporsi nel corso degli anni, che rappresentano un altro costo vivo per il professionista.

In conclusione... I consigli dello Studio Dentistico Lorello di Padova

Insomma come si vede il costo complessivo di un impianto dentale nasconde tante voci che spesso non sono subito percepite, ma che vanno considerate per fare un lavoro a regola d’arte. Quindi al netto delle dimensioni di uno studio dentistico e delle economie di scala che riesce a creare per abbattere i costi, è impossibile scendere sotto una determinata soglia di offerta, a meno di non sacrificare qualità e servizi offerti o scorporare dal costo “totale” una serie di voci secondarie.

 

 

Va bene cercare l'offerta migliore, ma sulla salute e sul benessere dentale meglio non risparmiare